Le sorgenti termali e i benefici dell’acqua calda

Molte fra le più antiche civiltà attribuivano all’acqua calda poteri terapeutici rigeneranti. I Romani soprattutto, che per primi affidarono alle terme il loro benessere psicofisico. Il termine “spa”, d’altronde, sta per “salus per aquam”, “la salute passa attraverso l’acqua”.

Le proprietà benefiche dell’acqua calda della terra erano conosciute e sfruttate già nel I secolo a.C. Le sorgenti sulfuree venivano utilizzate per attenuare i dolori muscolari e articolari e per le malattie della pelle; l’acqua salso-bromoiodica era considerata un antidoto per la sterilità femminile. Nel 25 a.C., con l’architetto Marco Vipsanio Agrippa, durante l’impero di Ottaviano Augusto, nacque poi il primo vero e proprio stabilimento termale, un complesso monumentale – con tanto di saune, palestre, locali per il massaggio, biblioteche e sale di riunione – che univa il benessere allo spirito di aggregazione. E che somigliava già ai moderni centri che costellano l’Italia in prossimità delle sue molte sorgenti termali.

Le sorgenti termali

Non è un caso che l’Italia ne sia ricca. Le sorgenti termali, infatti, sono un autentico “dono” della Geotermia, il calore naturale della Terra che caratterizza ampie aree del nostro territorio: dalla Toscana al canale di Sicilia, passando per il bacino ferrarese, dove l’acqua calda è una preziosissima fonte rinnovabile di energia sfruttata per il riscaldamento di case e abitazioni.

L’acqua delle sorgenti termali inizia il suo ciclo dalle precipitazioni, penetrando in profondità attraverso le rocce permeabili e aumentando la sua temperatura di 1 °C ogni 33 metri al di sotto della crosta terrestre. Quando sgorga in superficie – tramite eruzioni di vapori o geyser – ha proprietà fisiche e chimiche diverse, a seconda dei sali minerali e dei gas che si sono disciolti al suo interno dalle rocce. Diventa per esempio acqua sulfurea o salsobromoiodica, acquisendo quegli effetti benefici ormai riconosciuti come terapeutici anche dalla medicina e dalla scienza.

In Cover, le Terme di Saturnia, in Toscana

Condividi l'articolo su


Strumenti Heracomm correlati