Dalla bioedilizia alla bioedilizia

Nel costruirsi un rifugio, fin dall’epoca primitiva, l’uomo ha sempre imitato l’unico sistema sostenibile: la Natura. I popoli del nord realizzavano tetti erbosi per favorire l’isolamento termico; gli Eschimesi sfruttavano con gli igloo la capacità termica dei mattoni di neve pressata, disposti in modo da costruire una parete sferica che isolasse il calore all’interno; i Romani scaldavano e raffreddavano le dimore con un sistema di irrigazione progettato sotto i pavimenti e all’interno delle pareti. Dopo anni di edilizia selvaggia, oggi si sono riscoperti sistemi di costruzione degli edifici che tengono conto dei principi naturali e delle proprietà dell’ambiente. Parliamo della bioedilizia, che cerca di portare il massimo comfort nelle nostre case con il minimo impatto ambientale, sfruttando lo sviluppo tecnologico e a una rinnovata ricerca su materiali biodegradabili.

Materiali della bioedilizia

Tra i materiali bio c’è la canapa legale, che assorbe CO2 e sostituisce perfettamente la lana di roccia, un isolante che produce micro-polveri in grado di favorire l’isolamento termico e acustico. Anche il sughero, la fibra di lino, la fibra minerale contribuiscono alla regolazione dell’umidità. Ma il materiale più utilizzato nell’architettura ecologica contemporanea è senza dubbio il legno. Sfatato il mito che sia meno resistente rispetto al cemento, oggi trova grandissima applicazione per via del suo bassissimo coefficiente di conducibilità termica, che si traduce in costi per il riscaldamento di circa il 70-80% inferiori rispetto a quelli “generati” da un’abitazione tradizionale.

Un esempio di utilizzo di blocchi di calce, canapa e legno. Via pagina Facebook @Abitazioni Ecologiche

Efficienza energetica

La bioedilizia consente di contenere i consumi energetici. Basti pensare che il solo orientamento geografico dell’edificio può agevolare ventilazione, raffreddamento e riscaldamento naturale. E che tutti gli “ecoprogetti” moderni prediligono fonti rinnovabili – solare, fotovoltaica e geotermica – per il soddifacimento del fabbisogno energetico delle abitazioni.

Condividi l'articolo su


Strumenti Heracomm correlati